Gambe gonfie in gravidanza

Gambe gonfie in gravidanza, soprattutto in estate.

Primi caldi e prime gambe gonfie di molte future mamme in gravidanza. Infatti nella stagione estiva, soprattutto se nella fase finale della gravidanza quando il pancione pesa per davvero, il caldo favorisce la vasodilatazione e il microcircolo degli arti inferiori può subire un forte rallentamento.
gambe gonfie in gravidanza

Gambe gonfie in gravidanza: le principali cause

Piedi, caviglie e gambe gonfie in gravidanza dipendono da vari fattori. Oltre alla variazione del mix ormonale, aumenta la parte liquida del sangue (fattore biochimico), la vasodilatazione e la permeabilità vascolare (fattori vascolari), condizioni che predispongono ad una fisiologica ritenzione idrica. Infatti il plasma tende a fuoriuscire dai vasi venosi e a restare nei tessuti di piedi, caviglie e gambe in particolare.
Inoltre, nelle ultime settimane della gravidanza, il pancione preme col suo peso sui vasi venosi e rende più difficoltoso il ritorno venoso. Se poi il terzo trimestre della gravidanza cade nel periodo estivo, le temperature elevate possono incidere ulteriormente sulla vasodilatazione.

Piedi e gambe gonfie in gravidanza: i 6 rimedi per il giorno

Durante il giorno la coach suggerisce:
1) evitare di stare in piedi a lungo non attiva la pompa plantare e non facilita il ritorno venoso. Quindi ogni tanto prendetevi delle pause per evitare l’accumulo di liquidi negli arti inferiori. Sui mezzi pubblici sedetevi subito nei posti a voi riservati. Alle casse dei negozi non aspettate in coda, ma servitevi delle casse con la priorità per ridurre i tempi di attesa.

evitare le gambe gonfie in gravidanza

2) anche stare sedute a lungo favorisce l’accumulo di liquidi nei piedi, nelle caviglie e nelle gambe. Infatti restare a lungo con le gambe verso il basso e con i tre angoli della gamba ridotti – quelli di caviglia, ginocchio e anca – limita ulteriormente il ritorno del sangue verso l’alto. Per le future mamme che lavorano per diverse ore ad una scrivania in questa posizione, sarebbe utile prevedere un appoggio aggiuntivo per tenere ogni tanto i piedi alti, almeno in linea con le ginocchia.piedi, caviglie e gambe gonfie in gravidanza

3) ogni tanto, nell’arco della giornata, dove possibile, allungate e sollevate le gambe un po’ più su del bacino ed eventualmente distendete e allungate la schiena. Questa posizione aiuta ad aprire gli angoli alle articolazioni delle ginocchia e delle anche, tipici della posizione da seduta. Si eliminano pertanto i restringimenti in quelle aree e il percorso che deve fare il sangue diventa più diritto, più facile e più rapido. Un’ottima soluzione per favorire il ritorno venoso dalle estremità verso il cuore.come eliminare i piedi gonfi in gravidanza

4) camminare, a certe condizioni può andar bene, ma non per molto tempo. La pompa plantare è attivata, ma il carico è comunque verticale, per cui il ritorno venoso potrebbe essere limitato. Meglio, dopo una passeggiata, sdraiarsi con le gambe posizionate in alto.

5) d’estate è comunque meglio fare qualsiasi attività, la spesa, lo shopping, ma anche semplicemente camminare, in condizioni di refrigerio generale. Dunque preferire la mattina presto, in quanto la temperatura dell’aria è più fresca ed anche il terreno è più fresco, così si evita anche il calore che per conduzione sale dal suolo.rimedi per le gambe gonfie in gravidanza

6) se desiderate fare del movimento anche durante le ore calde della giornata, la soluzione migliore è una leggera nuotata in acqua fresca, mare o piscina, come preferite. 

Piedi e gambe gonfie in gravidanza: i 3 rimedi per la sera

La sera prima di andare a coricarvi la coach consiglia tre mosse semplici, che vi permetteranno di attenuare durante le ore notturne il problema delle gambe gonfie. Se lo ritenete necessario, potete utilizzare questi consigli anche per altri momenti della giornata.
1) Sdraiatevi e mette le gambe rialzate con sotto un sostegno e riposatevi un po’ in questa posizione. L’inclinazione del sostegno sotto le gambe deve essere uniforme, non deve cioè avere degli ‘scalini’ che vanno a premere in un punto particolare: il sangue potrebbe non scorrere facilmente in giù. Inoltre la temperatura dell’ambiente in cui state deve essere preferibilmente sempre fresca.gambe gonfie

2) Quando l’eccesso di ritenzione di liquidi nelle gambe è diminuito e le gambe si sono un po’ sgonfiate, mettetele per qualche minuto sotto un bel getto di acqua fresca. Potete ad esempio passare semplicemente le gambe sotto la doccia.
piedi e gambe gonfie in gravidanza
3) Infine andate a dormire sempre con le gambe inclinate verso l’alto, mettendo un sostegno sotto il materasso in modo che risulti un po’ inclinato. Si continua così a favorire il ritorno venoso anche durante le ore notturne. 
piedi gonfi in gravidanza

Se desideri altri suggerimenti pratici e innovativi per stare bene in gravidanza, prenota subito la lezione gratuita Mamme Comode. Dormire meglio e stare sedute in modo più confortevole, sarà più facile coi consigli della coach del corso MM.
Contatta la segreteria se desideri ricevere ulteriori informazioni sul corso MM.