Lezione master sulle posizioni per il parto

Dal punto di vista della donna, partorire significa ‘fare’ il parto cioè mettersi nella posizione migliore che consenta al parto di svolgersi nel migliore dei modi e al bambino di nascere al meglio. Detto così sembra tutto semplice e facile.
Per fortuna la natura ha dato un grande aiuto alle donne. Infatti ha costruito il corpo femminile al top fin nei minimi dettagli per favorire la nascita dei bimbi. Dunque il corpo delle donne è pronto a fare il parto.
E le donne lo sono?

posizioni per il parto

La meravigliosa capacità delle donne di fare il parto

Da sempre le donne hanno saputo come gestire il proprio corpo e sfruttare al meglio la loro meravigliosa capacità di mettere al mondo un figlio. Lo hanno fatto le donne dell’antichità, e lo sanno fare anche le indios dell’Amazzonia, le aborigene australiane, le indigene di una qualsiasi tribù arcaica ancora presente sul nostro pianeta. Tutte sanno perfettamente come partorire.
Sicuramente le donne di oggi sono ben lontane da quel ‘sapere’ ancestrale tipico delle loro antenate e delle donne primitive. Tuttavia, grazie al corso Mamme in Movimento è possibile recuperare tutto l’antico potenziale delle donne a far nascere i figli. Inoltre, nel corso Mamme in Movimento questo potenziale viene riorganizzato, migliorato e utilizzato per fare il parto al meglio.

Le donne al centro del parto

Per migliorare il parto la coach di Mamme in Movimento ha preso la donna come punto di partenza. Il parto è pur sempre ‘fatto’ dalla donna, ed è lei il centro di tutto il lavoro fisico di MM, fatto per ottimizzare il suo meraviglioso potenziale per la nascita.E per gestire il proprio corpo al meglio durante il parto occorre sapere cosa fare nei minimi dettagli. Dal punto di vista fisico infatti il parto si basa su dei principi di biomeccanica molto precisi che non consentono spazio alla improvvisazione. Solo in questo modo si possono ottenere i risultati migliori di sempre. Come, ad esempio: si accorciano i tempi del travaglio, si dimezzano il dolore delle contrazioni, e si riducono al minimo il rischio di lacerazioni perineali.

Come preparare al meglio le posizioni del parto

Per ottenere questi risultati la coach del corso MM ha predisposto un percorso in più punti.
La coach di MM considera le donne non solo come le vere protagoniste della sala parto, ma anche come delle atlete da preparare al meglio in vista di questa meravigliosa gara che è la nascita del proprio figlio.
1 – Si comincia con l”allenamento’ tecnico, dolce e mirato di tutti i distretti corporei interessanti alla nascita, studiati nei minimi dettagli dalla coach. I corsi MAMME 1,  MAMME 2MAMME 3 sono ricchi di elementi biomeccanici fondamentali per aiutare il parto. In questi corsi si apre già uno sguardo importante sul parto in modo diretto e fattivo.
2 – Si completa il percorso con la lezione master sulla spinta e quella sulle posizioni del parto da fare in coppia col partner. Queste due lezioni consentiranno di avere pronta l’impostazione completa sulle posizioni del parto.

La lezione sulle posizioni del parto in pratica

Nella lezione master sulle posizioni per il parto di Mamme in Movimento scopriamo e proviamo insieme, step by step, ogni singola componente fisica che le caratterizza. Non lasciamo niente al caso, in modo che ogni coppia saprà cosa fare insieme per aiutare la/il bimba/o a nascere al meglio.  le migliori posizioni per il parto

La lezione master sulle posizioni del parto da fare in coppia si fa intorno alla 35° o 36° settimana.
La lezione è suddivisa in più parti.
1) TUTTO CON L’INSEGNANTE
La prima parte è tutta con l’insegnante ed è divisa in tre step:
– alla coppia viene dato l’accesso ad un podcast in cui l’insegnante del corso spiega alcuni elementi generali legati al parto.
Il podcast può essere ascoltato dalla coppia nei giorni che precedono il primo incontro con l’insegnate.
– il primo incontro dal vivo di coppia con l’insegnante, è di teoria.
Si svolge la sera dalle 21.00 alle 22.30, per tutti ONLINE.
In questo primo incontro vengono spiegati gli elementi tecnici e fisici sui quali si basano le innovative posizioni del parto di MM da fare
col partner.
– il secondo incontro dal vivo di coppia con l’insegnante, è la parte pratica.
Si svolge in genere la mattina del sabato e dura circa 2 ore e mezzo / 3 ore.
Può essere fatto ONLINE oppure IN SEDE, per chi abita a Firenze o in zone limitrofe.
In questo secondo incontro la coppia prova insieme le posizioni del parto sotto la guida attenta e dettagliata dell’insegnante, inserendo nelle posizioni anche la spinta, già appresa nella lezione master su spinta e respirazione.
2) RIPROVARE A CASA DA SOLI
Una volta appreso le varie posizioni con l’insegnate, la coppia le riprova da sola a casa propria.
3) BREVE REVISIONE CON LA COACH
Se ci fossero dei dubbi su qualche posizione, o su qualche elemento in particolare, si riprende un altro appuntamento con l’insegnante       per rivedere in breve, in modo mirato, gli elementi sui quali la coppia ha qualche incertezza.
4) DI NUOVO DA SOLI
Provare di nuovo da soli le posizioni per il parto con tutti i chiarimenti fatti con l’insegnante.
5) ..E FINALMENTE IN SALA PARTO!!

Provare col proprio partner le varie posizioni del parto è fondamentale per acquisire al meglio la parte tecnica delle posizioni da fare
insieme, la corretta esecuzione della fase della spinta e infine, ma non meno importante, anche per affinare l’intesa di coppia nel
fare le posizioni del parto.
Come nello sport l’atleta si deve allenare più volte per fare la sua gara al meglio, procedendo per step progressivi anche la coppia arriva veramente molto preparata al momento del parto. Sia nel caso che una parte del parto si svolga a casa, sia per tutta la parte del parto che si svolge nel punto nascita.
I genitori che fanno Mamme in Movimento sanno già cosa ‘fare’ per far nascere al meglio il proprio bambino.

Già al termine di questa lezione le future mamme e i partners si sentono più preparati rispetto a tutte le loro conoscenze su questo argomento. Si sentono infatti più consapevoli su cosa serve davvero fare durante il parto per farlo al meglio.

Le posizioni del parto e la pandemia

In questo periodo di Covid-19, i centri nascita stanno adottando misure diverse per l’accesso alle sale parto.
1 – Là dove è possibile entrare in sala parto col partner, le posizioni di MM possono essere utilizzate nella loro completezza.
2 – Là dove invece ci fossero misure più restrittive, comunque le mamme del corso MM sono riuscite ad utilizzare al meglio tutte le posizioni per il parto apprese al corso e a fare lo stesso ottimi parti.

L’allenamento mirato, la maggiore consapevolezza e la capacità di ‘gestione’ del proprio corpo sono tutti elementi fondamentali del corso MM e consentono alla futura mamma di essere messa in grado di poter fare un parto fisicamente preparata al meglio.

Cosa conosce oggi la scienza sulle posizioni del parto

Capire come funziona ‘fisicamente’ il parto non è facile. Infatti sulla biomeccanica del parto non si sa ancora praticamente nulla.
Nessuno dei due unici centri di ricerca che nel mondo stanno studiando la biomeccanica del parto, ne è venuto a capo. “…many questions remain..” cioè molte questioni sono ancora irrisolte, scrivono in un articolo gli scienziati. “We’re still using models that go back 150 years”, cioè stiamo ancora usando modelli di 150 anni fa, scrivono ancora gli scienziatiNel breve estratto della parte finale di una intervista radiofonica, fatta a tutti e tre i componenti del team di ricerca dello CHUV, alla domanda sorpresa e stupita del giornalista sulle conoscenze attuali sul parto, la risposta del dottor Desseauve è onesta, chiara e sintetica. Clicca sull’immagine qui sotto per ascoltarla:

Le posizioni del parto del 1980 sono corrette?

Tuttavia dagli anni 80 del secolo scorso, sono cominciate a circolare immagini sulle posizioni del parto, le stesse che vengono proposte alle donne di oggi. Nessuna delle quali è corretta!posizioni per il parto e travaglio
Infatti purtroppo queste posizioni per il parto, codificate da una intraprendente signora inglese (Janet Balaskas “Manuale del parto attivo”, 1983), non sono basate su nessun tipo di studio biomeccanico. Infatti contengono molti errori tecnici. Ciò nonostante hanno spopolato ovunque e sono ancora in circolazione!
Per migliorare questa situazione occorrerebbe:
–  lavorare in modo innovativo dal punto di vista fisico, che è rimasto indietro, molto indietro, rispetto a quello medico. Infatti è fermo alle posizioni di 40 anni fa! Infatti i risultati dei parti – tempi lunghissimi, dolore altissimo, lacerazioni frequenti – sono ancora del tutto insoddisfacenti.
– uscire dall’improvvisazione, che porta solo a molti errori tecnici di tipo biomeccanico e impostare nuovi studi delle posizioni del parto.
– affidare a nuove figure professionali lo studio della componente fisica e motoria del corpo umano, come ad esempio ingegneri biomeccanici e scienziati motori, per colmare finalmente una lacuna gravissima.

Le posizioni del 1980 non possono essere prese in considerazione per fare un parto naturale. Anzi, i risultati ci dicono che possono solo complicarlo.

L’importanza delle posizioni del parto di MM: i risultati!

Per la coach di MM è importante innanzitutto andare incontro ai desideri e risolvere le difficoltà delle donne.
Come risulta chiaro da una ricerca scientifica, le donne desiderano avere un’esperienza positiva del parto da tanti punti di vista. Lo stesso studio evidenza però anche che le donne hanno molta paura del parto.
Tuttavia le mamme che fanno il corso MM hanno molta meno paura del parto, sia prima di arrivare al momento del parto che durante il parto stesso. Queste donne hanno inoltre parti con ottimi risultati, in linea con i loro desideri.

Ben 48 grafici relativi ai loro parti, elaborati da una ricerca statistica fatta in collaborazione con l’Università di Firenze e riportati sul nostro sito scientifico Taddei Smart Birth, evidenziano tali risultati.
Tra questi risultati spicca anche il fatto che i neonati hanno una perfetta forma del cranio i quali, tra l’altro, non piangono alla nascita, come dimostrano che deve essere due recenti ricerche scientifiche.

Sulla base di questi studi è stata creata la lezione master interamente dedicata alle posizioni per il parto, da fare in coppia. Questa lezione ha da sempre riscosso un grandissimo successo tra i futuri genitori, come risulta dalla nostra indagine statistica. 

Utilità della lezione sulle posizioni del parto di Mamme in Movimento

In tal modo le donne del corso preparto Mamme in Movimento e i loro partners arrivano preparati, consapevoli e molto sicuri di sé al momento del parto. Quando poi durante il parto fanno le posizioni per il parto di Mamme in Movimento le trovano decisamente molto utili per il parto stesso. Come dimostrano i dati.
Saper “fare” il parto nel modo migliore, studiato tecnicamente e previsto dalla natura, e combinarlo in modo coordinato e consapevole con la spinta di MM, aiuta le donne ad agevolare il parto, provare meno dolore, accorciare i tempi del travaglio ed evitare eventuali spiacevoli lacerazioni del perineo.

Prenota SUBITO la lezione master sulle posizioni del parto di MM

Contatta direttamente la segreteria del corso o compila il modulo che trovi all’interno del bottone verde qui sotto.
Questa lezione fa parte di un ‘programma’ che comprende un pool di lezioni messo a punto dalla coach in tanti anni di esperienza, creato apposta per prepararsi fisicamente al meglio al parto MM.